Sprachen

|    feedback

Il «genere» dei libri. Storie e rappresentazioni della lettura al femminile e al maschile tra Medioevo e età moderna

Il mondo del libro è un territorio tutto al maschile oppure è popolato anche da donne, abitato da soggettività plurime, da corpi reali, sessuati e non astratti?

Questo volume risponde ad alcune domande inevase della storia del libro per il tardo Medioevo e l'età moderna, sondando direzioni di studio poco indagate: la comparsa di un pubblico di lettrici grazie alla nascita di una letteratura in lingua materna, in rapporto a una produzione e circolazione dei testi che serba in sé la memoria della comunicazione e trasmissione orale; il confronto tra la rappresentazione del lettore, per lo più legata allo studio produttivo, e quella della lettrice, espressa prevalentemente nell'abbandono al diletto, analizzata all'interno di un percorso iconografico che si snoda tra ideologie, stereotipi e alcune verità della lettura; la presenza delle donne nei mestieri dei libri: copiste, miniatrici, cartaie, stampatrici e anche committenti che condivisero per lo più l'attività in famiglia con mariti e fratelli, padri e figli; un'indagine che svela solidarietà, alleanze e trasmissione di sapere e mestiere tra uomini e donne.

Infine la scrittura quotidiana esplorata nelle lettere familiari tra richieste d'amore e di denaro, tramite grafie stentate o abili; piccoli pezzi di carta scritta e ripiegata affidati a un corriere per ricucire le distanze e inseguire amanti e debitori. Lettere archiviate e conservate nell'archivio familiare e confluite in tal modo nel grande racconto della storia delle comunicazioni di età moderna.

Kategorie: 
Libri di storia
Jahr (Ausgabe): 
2001
Autor: 
Plebani, Tiziana
Verlag: 
Franco Angeli
Sprache: 
Italienisch