Sprachen

|    feedback

Compagna Livia. L'impegno di Livia Laverani Donini nella resistenza, nel Partito comunista, e con il movimento delle donne

Per Livia Laverani Donini l’impegno politico è stato il cardine intorno al quale è ruotata la sua esistenza. Nasce in una famiglia socialista, che subirà le persecuzioni del regime. La guerra le porta via per sempre l’amatissimo marito, morto sul fronte russo. Livia diventa “partigiana combattente” tra gli Autonomi e porta con sé i suoi due bambini in banda, «non ho di quel tempo ricordo di un mio gesto che vorrei cancellare», scrive Livia. Nel dopoguerra militante e dirigente del Pci torinese, sempre dedicata al miglioramento delle condizioni di vita delle classi lavoratrici e in special modo delle donne. Sin dagli anni Sessanta solleva nel Pci la necessità che il divorzio diventi legge e liberi le donne da una schiavitù apparentemente volontaria. In particolar modo, come consigliera d’amministrazione dell’Ospedale ginecologico Sant’Anna, entrò in dialogo con le donne del movimento che avevano occupato l’ospedale, condividendo e attuando molte delle loro istanze. In suo ricordo fu creata l’Associazione culturale a lei intitolata. “Maestra di etica”, la sua vita sa parlare a noi oggi attraverso le testimonianze di chi la conobbe come amica, combattente, compagna di lotta e di impegno civile. «Non posso restare inattiva […] né posso attendere che il mondo che io desidero mi venga offerto con il sacrificio degli altri senza ch’io contribuisca nel limite delle mie forze».

 

Kategorie: 
Libri di storia
Jahr (Ausgabe): 
2015
Autor: 
Bouchard, Piera Egidi
Verlag: 
Edizioni SEB27
Sprache: 
Italienisch